Perugino

Comprensorio turistico Perugia

Il territorio che circonda Perugia, posto nel cuore della regione, incarna perfettamente le caratteristiche ambientali e culturali umbre, mantenendo un forte ed autentico legame tra natura e civiltà, tra borghi tipici medioevali e campi coltivati.

Tra le verdi e sinuose alture che dominano il paesaggio, sono sorti nei secoli numerosissimi centri abitati, spesso fortificati, governati e diretti dalla città di Perugia, visibile da moltissimi chilometri di distanza grazie alla sua posizione dominante, posta in vetta ad un colle alto più di 500 metri.

In basso fitti oliveti e pregiati vigneti ricoprono quasi interamente le fertili pianure e i dolci versanti delle colline, lasciando pochissimo spazio alle altre coltivazioni.

Perugia, con i suoi 150.000 abitanti, è la città più popolosa della regione. Con la sua strategica posizione, ubicata in vetta ad un’altura al centro delle vie di comunicazione tra Valle del Tevere e Valle Umbra, domina il territorio sottostante, offrendo al visitatore un paesaggio unico ed incantevole, aperto quasi a 360°. 

Di origine etrusca, epoca a cui risalgono le antichissime mura ciclopiche, costruite interamente con immensi blocchi di travertino, divenne presto possesso romano per opera di Augusto, che ne ridisegnò quasi completamente il centro storico. Vennero eretti, tra le altre cose, il Foro, le Terme e l’Anfiteatro, che coincisero con una espansione del borgo anche al di fuori dell’asse murario principale.

Le successive invasioni barbariche posero un freno temporaneo alla crescita della città, che riprese repentinamente in epoca Medioevale, quando alla costruzione di numerose chiese e palazzi pubblici si affiancò una espansione dei possedimenti territoriali sino all’area del lago Trasimeno, governati direttamente da piccoli borghi fortificati.

Tra questi, i più rilevanti sono senza dubbio Corciano e Torgiano: il primo, a nord di Perugia, presenta il tipico impianto medioevale, con le abitazioni che ricoprono i versanti della collina, ancora ricoperti di olivi; il secondo, sorto sulla confluenza del fiume Chiascio e sormontato da un grande castello, è oggi noto per la produzione di vini pregiati.

Fu intorno al 1400 che Perugia, sotto la protezione della famiglia Baglioni, solidamente legata allo Stato Pontificio, ebbe una forte ascesa artistica, con la costruzione di edifici volti alla cultura, come l’Università Vecchia.

Nel ‘500, sotto il diretto potere papale, la città cambiò ancora volto, e grazie alle infinite disponibilità economiche della Chiesa vide nascere l’imponente Rocca Paolina, che fu poi demolita nel 1860. I successivi anni costellarono di edifici barocchi il centro medioevale, e consegnarono la città alla futura modernizzazione.

Ancora oggi, comunque, Perugia vive una fervida attività culturale, che spicca con la presenza dell’Università per Stranieri, che attira ogni anno più di 30.000 studenti da ogni parte del mondo.  Ad essa si affiancano numerosi iniziative artistiche e culinarie di livello mondiale, come le notissime Umbria Jazz ed Eurochocolate.

INFORMAZIONI TURISTICHE
Comprensorio di Perugia
Loggia dei Lanari, Piazza Matteotti 18 – 06100 Perugia
Tel. +39 075 5736458 / +39 075 5772686 – Fax  +39 0755720988
E-mail: [email protected]

I Comuni

  • CORCIANO
  • DERUTA
  • PERUGIA
  • TORGIANO

Assisiate

Comprensorio turistico Assisi

Il comprensorio che circonda la città di Assisi è posto nell’area centro-orientale della regione, delimitato ad est dal Monte Subasio e ad ovest da una serie di dolci colline che lo separano dal fiume Tevere.

L’intero territorio è compreso all’interno del Parco naturale del Monte Subasio, un ambiente strettamente legato alla misticità della zona derivante dagli antichi insediamenti francescani, con fitti boschi di lecci che mutano progressivamente in oliveti al di sotto dei 600 metri di quota, che riescono a vincere terreni davvero poco fertili e scoscesi. Sino a declinare sui campi coltivati delle aree pianeggianti, molto spesso dedicati a pregiati vigneti, impreziositi da antichi casolari e piccole fortificazioni.

Assisi, divenuta Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco, è una meta obbligata di ogni turista che visita l’Umbria. Famosa in ogni parte del mondo come “la città di San Francesco”, raccoglie e mantiene vivi ancora oggi i simboli di spiritualità e religiosità che la accompagnano da secoli.

Di origini molto remote, risalenti all’età del Bronzo, Assisi conobbe il suo massimo sviluppo attorno al 1200, quando venne ampliata attorno al suo fulcro romano, la Piazza del Mercato. Negli stessi anni iniziò la costruzione della Basilica di San Francesco, al di fuori delle mura, a cui quasi contemporaneamente seguì quella di Santa Chiara, nel lato opposto della città.

Il secolo successivo, sotto il dominio dello Stato Pontificio, vennero erette le due Rocche, mentre in seguito vi fu la crescita di palazzi all’interno del tessuto medioevale, che non venne comunque snaturato.

Nel 1997 un disastroso terremoto distrusse parte della volta centrale della Basilica di San Francesco, con le immagini che in diretta fecero il giro del mondo, scioccando la popolazione. A soli 2 anni da quel catastrofico evento, grazie ad un lunghissimo lavoro di restauro, ogni parte della volta venne rimessa al suo posto, riconsegnando al patrimonio artistico mondiale i capolavori di Giotto e Cimabue.

A margine della città, in piena campagna, si sono invece svolte le vicende di San Francesco, indissolubilmente legate agli accadimenti interni alle mura. Usciti dalla porta Nuova si incontro subito lo splendido convento di S. Damiano, mentre proseguendo sul colle Rufino sorge l’Eremo delle Carceri, dove i francescani si ritiravano in preghiera. Luoghi meravigliosi, immersi in un verde ed in una tranquillità che sembrano non appartenere più alla nostra epoca.

Più in basso, verso la pianura, sorge la Cappella della Porziuncola, luogo di preghiera prediletto da San Francesco.

Nel 1500, le venne edificata attorno l’imponente basilica di Santa Maria degli Angeli, che contrastando decisamente con le abitudini francescane, emerge dalla pianura facendosi notare per la sua statua dorata della Madonna.

INFORMAZIONI TURISTICHE
Comprensorio di Assisi
Piazza del Comune – 06081 Assisi (PG)
Tel. +39 075 812534 / 813727 – Fax +39 075813727
E-mail: [email protected]

I Comuni

  • ASSISI
  • BASTIA
  • BETTONA
  • CANNARA

Amerino

Comprensorio turistico Amerino

Il comprensorio dell’area amerina è collocato nella parte sud-occidentale dell’Umbria, a confine con il Lazio. Il paesaggio è interamente avvolto da una rigogliosa vegetazione mediterranea, che arriva ad estendersi con fitte leccete sino alla sommità dei rilievi presenti nel territorio, mentre nelle colline sottostanti è ancora una volta l’olivo  ad assumere il ruolo di protagonista. I numerosi corsi d’acqua, scorrendo nel sottosuolo calcareo o argilloso della zona, hanno favorito la formazione di affascinanti fenomeni carsici, quali calanchi e grotte, di grande interesse speleologico. Proprio su alcuni degli innumerevoli speroni rocciosi sorgono piccoli centri urbani di stampo tipicamente medioevale, circondati da mura e dominati da fortificazioni e castelli.

La città principale del comprensorio è senza dubbio Amelia, che sorge su una collina calcarea, dominata dal Duomo, ben visibile nella parte più alta dell’abitato anche dalla webcam. L’insediamento rivela moltissimi stili architettonici differenti, tutti di assoluto pregio, che spaziano dalle influenze romane, ben visibili nelle imponenti mura poligonali, sino a quelle settecentesche, a cui risale appunto la cattedrale.

Uscendo dalla città e percorrendo la via Amerina si incontrano Avigliano Umbro ed il piccolo abitato di Dunarobba, reso famoso a livello internazione dagli eccezionali ritrovamenti della foresta fossile, risalente al Pliocene. Visitando il sito archeologico è possibile ammirare le imponenti sequoie oramai pietrificate, del diametro di quasi 2 metri, che conservano splendidamente la loro originaria struttura lignea.

Degni di nota anche i piccoli centri urbani di Montecastrilli ed Alviano. Il primo, fortificato nel quattrocento con imponenti mura e torri merlate, racchiude il suo centro storico in una pianta circolare, ricco di Chiese e Conventi. Il secondo, visibile nell’immagine della webcam, sorge in un caratteristico paesaggio solcato da profondi calanchi, dominato dal castello risalente all’epoca rinascimentale. Sullo sfondo è possibile notare il lago di Alviano, un’oasi di 800 ettari facente parte del parco fluviale del fiume Tevere, che dal 1990 è divenuta sede di una riserva faunistica del WWF.


INFORMAZIONI TURISTICHE

Comprensorio dell’Amerino
Via Roma, 4 – 05022 Amelia (TR)
Tel. +39 0744.981453 – Fax +39 0744.981566
E-mail: [email protected]

I Comuni

  • ALVIANO
  • AMELIA
  • ATTIGLIANO
  • AVIGLIANO UMBRO
  • GIOVE
  • GUARDEA
  • LUGNANO IN TEVERINA
  • MONTECASTRILLI
  • PENNA IN TEVERINA